domenica 24 maggio 2009

Rotolini di petto di tacchino ripieni

L'idea l'ho presa da un ritaglio della Cucina Italiana del secolo scorso e l'ho modificata, sia negli ingredienti sia nel metodo di cottura: l'originale prevedeva infatti la rosolatura e la cottura nel tegame. Io ho preferito la cottura a vapore: viene un po' più palliduccio, ma molto leggero e succulento.

Servono:

  • 350-400 gr di petto di tacchino a fette
  • 6 pomodori secchi sott'olio
  • olive nere
  • 1 cucchiaiata di capperi
  • prezzemolo
  • 1 tuorlo d'uovo
  • aglio

Si prende della pellicola alimentare (quella trasparente) e si stende sul piano di lavoro.
Sopra, si dispongono le fette di tacchino in modo da ottenere un rettangolo.
I pomodori secchi si tagliano a minuscoli dadini.
Si fa un battuto a coltello con 5 olive nere, uno spicchio d'aglio, i capperi, un ciuffo di prezzemolo e vi si incorporano poi i pomodori secchi, legando il tutto con il tuorlo d'uovo.
Questo composto si spalma sul petto di tacchino già preparato, disseminando qua e là altre olive nere intere.
Si arrotola tutto stretto come un salamino che verrà tenuto insieme dalla pellicola, chiusa alle estremità come se fosse una caramella.
Si mette a cuocere a vapore per una quarantina di minuti, poi si lascia raffreddare il rotolo chiuso nella pellicola.
Quando è ben freddo (meglio farlo il giorno prima), si affetta e si serve con insalatina.

Il commento della copiona: fresco e leggero! Naturalmente, si può fare anche con petto di pollo e non è necessario che sia a fette: se si usa il petto aperto a libro si fa molto prima a farcirlo e affettarlo.

3 commenti:

Barbara ha detto...

Mi piace, da quanto vedo non sono per niente asciutti! Grazie... ti copierò anch'io!!!

annaginger ha detto...

Infatti, Barbara... la cottura a vapore li lascia morbidi e succulenti! :-*

Giovanni ha detto...

brava Barbara, ottima scelta!

Parola di figlio!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin