domenica 5 luglio 2009

Spaghetti al doppio concentrato di pomodoro


(mi è tornato in mente che tanti anni fa mangiai in Sicilia degli spaghetti indimenticabili, semplicissimi, a base di "strattu" o estratto di pomodoro o elioconcentrato (che bel nome, questo!). Oggi ho provato a rifarli, usando il doppio concentrato di pomodoro della Cirio e il risultato è stato molto gradevole.)


Servono:

1 barattolino di doppio concentrato di pomodoro da 140 gr
500 gr di spaghetti grossi (io uso i De Cecco)
prezzemolo tritato (ma si potrebbe usare il basilico)
2 spicchi d'aglio tritato finemente
sale e pepe
olio extravergine di oliva

Intanto che la pasta cuoce, mettere nel piatto di servizio il concentrato di pomodoro, il prezzemolo o il basilico tritati, l'aglio anch'esso tritato e olio extravergine di oliva.
Ammorbidire il composto con qualche cucchiaio dell'acqua di cottura della pasta.
Quando gli spaghetti saranno cotti, scolarli, versarli sopra il condimento preparato, mescolare accuratamente e servire subito.

Il commento della copiona: si fanno in un attimo, non c'è nulla da cuocere, se non la pasta, e sono davvero gustosi! Ci si potrebbero mettere anche delle olive nere tritate.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

buoni, ho giusto il doppio concentrato cirio, regalo di scansy...

grazie gabriella

marcella candido cianchetti ha detto...

un classico della cucina siciliana e che oramai pochi fanno e i giovanissimi snobbano! certo una volta 'strattu 'u facivamu in casa .buon inizio di settimana

gianluca ha detto...

buongiorno, interessantissima ricetta (anche per la sua semplicità).
ma mi chiedo, il concentrato (o doppio) si può utilizzare tranquillamente anche così a crudo? non ci sono rischi che implicano che debba essere per forza prima cotto (tipo sugo in padella) ? grazie in anticipo

gianluca ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anna Podda Zoffoli ha detto...

non mi viene in mente nessun tipo di rischio... tu a cosa pensi? .-)

gianluca ha detto...

pensavo a ipotetiche contaminazioni batteriche del pomodoro, che magari vengono uccisi dalla cottura.
comunque ho già provato a farli, così a crudo, ottimo anche l'abbinamento con l'aglio, sono venuti buonissimi, complimenti !!!!
(la cosa sorprendente è che il doppio concentrato crudo rimane abbastanza dolce, rispetto alla cottura che gli da sempre un retrogusto acido fastidioso)

Anonimo ha detto...

A quel che ho capito e, che mi ha sorpreso , é il fatto del doppio concentrato crudo. In somma : solo i maccheroni sono cotti ? Me la provo domani, perché anche con tutti questi pomodri bio in bottiglie, non riesco piu a godermi un bel piatto di pasta al sugo . Grazie .

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin