giovedì 23 aprile 2009

Biscotti accoppiati tipo Ringo o Oreo (ricetta con dedica)

(dedico questi biscotti, fatti ormai alcuni anni fa, ad un mio virtualamico a cui sta esplodendo il fegato per il nervoso al lavoro... con questi biscotti gli esploderà egualmente, temo, ma almeno avrà mangiato qualcosa di molto buono...)
foto
La ricetta viene da una delle mie ML e l'ho pubblicata su coquinaria il 20 novembre 2007

Servono:

250 gr di burro freddo di frigo, a pezzettini
230 gr di zucchero a velo
450 gr di farina
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o una bustina di vanillina, se non vi fa schifo)
100 gr di cacao in polvere
1 cucchiaino di lievito in polvere

Per il ripieno:
230 gr di zucchero a velo
130 gr di burro
1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o un'altra bustina di vanillina come sopra....)
1 albume oppure 1 bustina di pannafix oppure nulla

Fare un impasto con il burro, lo zucchero a velo, il sale e la vaniglia, poi aggiungere la farina poco alla volta, il cacao e il lievito. L'impasto si presenterà bricioloso e sarà meglio che l'ultima impastata la facciate a mano, in modo che col calore delle mani il burro si ammorbidisca e che il risultato finale sia simile al didò :-D
Formare con l'impasto un salsicciotto lungo ed uniforme dal quale si ritaglieranno le fettine di spessore uniforme che saranno i biscotti. Io le ho tenute un po' altine, diciamo 3 o 4 millimetri di spessore.
Volendo, l'impasto si può fare per tempo e tenere in frigo fino ad un massimo di 15 giorni, ben avvolto in carta da forno, per servirsene alla bisogna.
Si cuociono poi i biscotti per 10-12 minuti (occhio perchè fanno presto a bruciare, quindi non farsi tentare e allungare il tempo di cottura) a 180° (nel mio forno, nel vostro regolatevi voi :-D ). Comunque sono cotti quando la superficie sarà opaca e saranno leggermente lievitati. Appena usciti dal forno sono morbidissimi, ma si induriscono raffreddandosi.

Una volta freddi, si prepara il ripieno, montando il burro con lo zucchero e la vaniglia e aggiungendo l'albume crudo oppure il pannafix. Questo del pannafix mi è venuto in mente quando pensavo che a qualcuno possa non piacere l'idea dell'albume crudo e la seconda ondata di questi biscotti l'ho fatta appunto aggiungendoci una bustina di stabilizzatore. Risultato eccellente in entrambi i casi!
Potete anche non metterci nulla e farcire con la semplice crema al burro.

Il commento della copiona: non sono Ringo, non sono Oreo... ma gli vanno vicinissimi... in meglio, naturalmente: buonissimi, semplici e veloci da fare. La foto non è dei miei biscotti, ma il risultato è esattamente quello che si vede :-)


3 commenti:

carla ha detto...

hei cercavo la ricetta ed eccola!grazie!!!!

Alaska ha detto...

ho appena scoperto il tuo blog e l'ho messo tra quelli che seguo! sei bravissima!

posso chiederti com'è questa crema al burro? molto dolce? stufa alla lunga?

grazie mille ^__^

Anna Podda Zoffoli ha detto...

la crema al burro, come la intendo io, è semplicemente burro montato con zucchero a velo oppure miele. In questi biscotti è gradevole, perchè sono molto "cacaosi" e quindi il contrasto con l'amarognolo-croccante del biscotto e il dolce-morbido del ripieno è molto gradevole.
grazie, son contenta che seguirai il mio blog :-)

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin