domenica 4 ottobre 2009

Cipolle ripiene


(dopo parecchi giorni di assenza, dovuti ad un evento molto triste e subito dopo ad uno molto felice e a tanti impegni ed incombenze, stamattina mi sono rimessa ai fornelli. Lo desideravo moltissimo... di più, ne sentivo il bisogno... Avevo voglia di fare cose che divertessero me e piacessero alla mia famiglia. Piatti tradizionali, solidi... niente cucina fusion o esperimenti azzardati.
Queste cipolle ripiene, piemontesi, sono tratte da "Le ricette regionali italiane" interpretate da Anna Gosetti della Salda, che, come ho già avuto modo di dire, è, secondo me, una delle colonne portanti di qualsiasi biblioteca culinaria.
Io ho modificato leggermente le dosi e metterò tra parentesi le quantità riportate nel libro).

Servono:

  • 250 gr (200 gr) di carne macinata mista suino/bovino (nel libro non è specificato)
  • 100 gr di parmigiano grattugiato
  • 5 (4) cipolle grandi (ho usato quelle dorate)
  • 2 uova (1, nell'originale)
  • acquavite (io ho usato la mia grappa al sedano e limone , anche se sta ancora maturando)
  • poco burro
  • sale e pepe

Si comincia sbollentando per 20 minuti in acqua salata le cipolle pelate e lasciate intere.
Si scolano, si lasciano intiepidire bene, poi si tagliano a metà in senso orizzontale e si si svuotano un po'. La polpa tolta va tritata bene col coltello (no frullatore!) e tenuta da parte perchè servirà per il ripieno.
In un tegamino, si fa soffriggere un po' la carne con una noce di burro: deve essere tostata, non dorata, poi si aggiunge la cipolla tritata, si soffrigge ancora un paio di minuti e si toglie dal fuoco, lasciandola intiepidire.
A questo punto, il ripieno così prepararato va arricchito con il parmigiano grattugiato e legato con le uova. Salare e pepare a gusto. Con questo composto riempire le mezze cipolle preparate e disporle in una pirofila imburrata.
Su ognuna mettere un fiocchetto di burro, poi spruzzare di grappa.
Io ho infornato in forno già caldo a 180° ventilato (oppure 200° normale) e cuocere per 50 minuti.
Servire calde oppure far raffreddare e gustare tiepide o a temperatura ambiente.

Il commento della copiona: sono buonissime! Io le ho assemblate il giorno prima, per comodità, e le ho conservate in frigo per una notte coperte di pellicola. Davvero una squisitezza!

2 commenti:

Lauretta and Mary ha detto...

Mamma che belle!! Saranno state ottime...le cipolle che hai usato sono quelle che si vendono nei sacchetti al super con la buccetta dorata?? ...non sono molto esperta...

Anna Podda Zoffoli ha detto...

sì, quelle! Ma puoi (potete... :-D ) usare anche quelle bianche :-*

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin