giovedì 31 dicembre 2009

Danubio di capodanno

Questo l'ho preparato oggi per mio figlio piccolo, che festeggia la fine dell'anno con i suoi amici.
La base è la straordinaria pasta per rosticceria di Ro, una ricetta infallibile, perfetta sia per ripieni dolci sia per quelli salati. Lievita che è una meraviglia e non fa capricci né sorprese sgradevoli se si stende col mattarello o se gli avanzi si rimpastano e si ristendono.
Ho usato due ripieni: erbette tirate in padella con salsiccia a pezzetti per una metà e funghi trifolati e taleggio per l'altra metà. Ne ho rubate un paio di palline per assaggio e sono molto soddisfatta del risultato :-)

Servono:
  • 1 kg di farina
  • 25 gr di lievito di birra fresco
  • 100 gr di strutto
  • 70 gr di zucchero (che diventano 100 se l'impasto è destinato a dolci)
  • 35 gr di sale
  • da 400 a 450 gr di acqua tiepida, a seconda dell'umidità della farina
  • ripieni a piacere
  • 1 uovo per pennellare

E' preferibile usare l'impastatrice, perchè si fa prima e il risultato è - secondo me - migliore: ma io, come sapete, sono molto tollerante con chi sceglie di fare le cose diversamente da me, quindi non vi manderò la polizia culinaria se deciderete di usare un sistema diverso :-)
Si mettono tutti gli ingredienti nell'impastatrice, tranne il sale e l'acqua (e i ripieni, naturalmente ;-D ) e si comincia a impastare, aggiungendo acqua man mano. Il sale solo verso la fine.
Controllare la consistenza dell'impasto: deve essere come il lobo dell'orecchio, questa è la mia regola-del-pollice.
Far lievitare due ore al riparo da correnti e nel frattempo preparare il ripieno che si è scelto.
Trascorse le due ore, stendere l'impasto con il mattarello, poi ricavarne dei dischetti con un coppapasta del diametro di 5-6 cm. Al centro di ognuno deporre un poco di ripieno, poi chiuderlo e disporlo su una teglia di alluminio, con la chiusura in basso. Procedere fino a esaurimento degli ingredienti, tenendo leggermente distanziate le palline, perchè poi lieviteranno e si uniranno.
Lasciar lievitare un'oretta circa, poi spennnellare con l'uovo sbattuto e infornare a 180° per il tempo necessario (all'incirca un 35-40 minuti... ma regolatevi con vostro forno!).

Il commento della copiona: come si fa a dire di no alla richiesta di un figlio? :-D

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin