domenica 6 settembre 2009

Costedda cun tamata de Villasimius (focaccia al pomodoro fresco)


(questa è una ricetta di Pinella del forum di coquinaria. Mi piace usare il pomodoro fresco per cucinare e in questo periodo ci sono i più buoni, succosi, maturati al sole, profumati e saporiti. Questa focaccia viene proprio a proposito: l'ho fatta stamattina, per celebrare la mia "sarditudine", il cui unico residuo in me è il cognome...)

Io l'ho fatta così...

Servono:

  • 1 kg di pomodori freschi da conserva
  • 2 grossi spicchi d'aglio
  • basilico abbondante
  • sale
  • pepe nero
  • 200 gr di farina manitoba
  • olio extravergine di oliva
  • farina bianca 0 o 00 quanto basta
  • un cubetto di lievito di birra fresco

Ho cominciato con il tagliare a minuscoli dadi i pomdori, senza pelarli e raccogliendo il succo che ne veniva fuori. Poi li ho schiacciati un po' tra le mani.
Ho aggiunto due grossi spicchi d'aglio spremuto, il basilico tagliato a striscioline con le forbici, mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva, sale e pepe.
Ho pesato la manitoba e ho pesato anche 600 gr di farina bianca, tenendone a disposizione dell'altra (questo ha il suo bel perchè: quando si comincia a lavorare, le mani si impiastricciano così tanto che è impensabile andare in cerca di altra farina che dovesse improvvisamente servire :-D ).
Ho unto con olio una grande teglia di alluminio da pasticceria e l'ho tenuta pronta.
Ho acceso il forno a 30°.
A questo punto, ho sciolto il lievito in due dita d'acqua, l'ho unito ai pomodori e poi ho cominciato a impastare a mano con la farina, aggiungendo prima la manitoba e poi quella normale, poco alla volta.
Di quest'ultima, è impossibile dare la dose esatta: dipende essenzialmente dall'umidità dei pomodori. Alla fine, i 600 gr che io avevo pesato sono risultati perfetti (pura fortuna!) per ottenere l'imposto molle e molto appiccicoso che è quello che deve essere.
Questo impasto colloso va poi steso, aiutandosi con olio sulle mani, sulla teglia già preparata e messo nel forno intiepidito a lievitare per un'ora e mezzo circa.
Poi, senza togliere la teglia dal forno, portare la temperatura a 180° e cuocere per un'oretta (ma regolarsi col proprio forno, come sempre!).

Il commento della copiona: molto delicata e particolare, buona anche da farcire :-)
I pomodori devono essere maturi e dolci e forse ci starebbe bene anche dell'origano.

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin