domenica 6 febbraio 2011

Baccalà e sedani

Credo di non aver mai cucinato e mangiato tanto baccalà in vita mia come in quest'anno.
Questo viene dalle Ricette Regionali Italiane di Anna Gosetti della Salda, mia fonte imbattibile e inesauribile di piatti della tradizione italiana.
La ricetta è tra quelle dell'Abruzzo, leggermente modificata.

Servono:

  • 800 gr di baccalà già dissalato
  • 500 gr di sedani
  • olio extravergine di oliva
  • 50 gr di uvetta passolina
  • 30 gr di pinoli
  • una ventina di olive nere
  • una cipolla
  • 3 o 4 pomodori pelati
  • pepe
  • poco brodo, anche di carne, se serve

Lavare i sedani, tagliarli a pezzetti e scottarli in acqua bollente salata per una decina di minuti. Scolarli e tenerli da parte.
Mettere a bagno l'uvetta in poca acqua tiepida.
Tritare la cipolla e soffriggerla con abbondante olio, aggiungere poi i pomodori stagliuzzati (le forbici vanno benissimo, io le uso un sacco per questo genere di lavori...), lasciar cuocere per una decina di minuti poi sistemare nel tegame il baccalà tagliato a pezzi e lasciarlo insaporire bene.
Unire i sedani, i pinoli, l'uvetta scolata dall'acqua e strizzata e le olive nere intee.
Incoperchiare e portare a cottura a fuoco moderato, scuotendo il tegame di tanto in tanto o mescolando delicatamente per non ridurre il baccalà a poltiglia.
Se si asciuga troppo, aggiungere poco brodo: io ho usato quello di manzo che stavo preparando contemporaneamente e ci sta benissimo.
Aggiustare di pepe, salare se serve e servire.

Il commento della copiona: molto buono!

2 commenti:

mario ha detto...

baccalà ovviamente spugnato. lo metti a crudo, se ho capito bene

Anna Podda Zoffoli ha detto...

se per spugnato intendi bagnato e pronto per la cottura, sì: anzi, grazie, ora correggo! e sì, lo metto crudo!

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin