martedì 30 aprile 2013

Zuppa di lenticchie rosse, fagioli e cavolo (dice che fa dimagrire, ma non è vero e spiego perché)

Girellando per il web, incontro ogni tanto cose che mi lasciano da pensare.
Per esempio, ho scoperto che esiste una cosa che si chiama Daniel Fast, cioè il digiuno di Daniel. Sostanzialmente, si tratta di una pratica mistico-dietetica, che consiste nel cibarsi di soli prodotti freschi e non elaborati e di bere solo acqua di fonte, ispirata al libro del profeta Daniele.
Alla fine dei giorni prescritti, si starà molto meglio che se si ci fosse alimentati di cibi pesanti, calorici e regali.
Ora qui ci vorrebbe il Grande Capo Estiqaatsi e la sua omonima esclamazione, tanto più che la signora che ha postato questa ricetta dice che mangiando la zuppa è dimagrita un tot di chili. Avendoci fortunatamente fatto conoscere quel che ingurgitava prima, è normale crederle.
Io non solo non credo più nelle diete dimagranti da anni, ma sono certa e convinta che siano causa di disordini alimentari e, soprattutto, di infelicità. E soprattutto, non credo alle soluzioni miracolose.
Questa zuppa però mi ha attirato perché io sono ghiottissima di cumino e perché avevo un bel po' di ingredienti in casa da smaltire, quindi l'ho fatta e apprezzata e, ovviamente, credo di non aver perso neanche mezz'etto.
Metto la versione che ho fatto io, leggermente diversa dall'originale, che invece si trova qui.

Ho usato:
Zuppa di lenticchie rosse, fagioli e cavolo


  • 2 cipolle dorate medie
  • 4 spicchi d'aglio
  • 2 cucchiai d'olio extravergine di oliva
  • 400 gr di lenticchie rosse decorticate secche
  • 500 gr di fagioli borlotti lessati
  • 2 barattoli di polpa di pomodoro
  • 2 litri di brodo vegetale
  • 2 cucchiai da tè di semi di cumino
  • peperoncino macinato a gusto proprio
  • la metà di una piccola verza


Tritare le cipolle e l'aglio e metterli in una capace pentola con l'olio e mezzo bicchiere d'acqua.
Appena l'acqua sarà evaporata e le verdure cominceranno a dorare, aggiungere le lenticchie secche e mescolarle, in modo da insaporirle un po'.
Aggiungere un litro e mezzo di brodo, portare a bollore, poi abbassare la fiamma e cuocere per 20 minuti.
Aggiungere i fagioli, dopo averli sgocciolati (ed eventualmente sciacquati, se sono in scatola), il pomodoro, il cumino e il peperoncino.Unire il brodo rimanente ed eventualmente anche acqua, per ottenere la consistenza desiderata.
Cuocere per altri 15 minuti.
Nel frattempo, tagliare la verza a striscioline e appena la zuppa sarà pronta metterla nella pentola, mescolando bene. Spegnere il gas, incoperchiare la zuppa e lasciare la verza ad ammorbidirsi.
Servire dopo averla fatta riposare qualche tempo (io l'ho fatta la sera per il giorno dopo).

Il commento della copiona: buona, buonissima! Non ho aggiunto sale né ulteriore olio, perché per il mio gusto la zuppa era già ben saporita così.

Nessun commento:

LinkWithin

Blog Widget by LinkWithin